3 MOTIVI PER ELIMINARE DEFINITIVAMENTE LO ZUCCHERO DALLA NOSTRA VITA

3 MOTIVI PER ELIMINARE DEFINITIVAMENTE LO ZUCCHERO DALLA NOSTRA VITA

zucchero
3 motivi per eliminare lo zucchero

Buongiorno a tutti!! Scusate l’assenza ma tra feste e ripresa delle attività Dicembre è volato in un batter d’occhio. Parliamo però oggi di un argomento molto discusso soprattutto a proposito delle feste appena trascorse: lo zucchero.

LO ZUCCHERO SEMPLICE, COS’E’?

Come sempre partiamo dalla base. Cos’è lo zucchero?

Lo zucchero non è altro che una molecola chimica a base di GLUCOSIO, un monosaccaride che costituisce la base dei carboidrati che tutti conosciamo. Due molecole di glucosio unite insieme creano il saccarosio, che è il comune zucchero presente nelle nostre tavole o all’interno dei tanti o pochi dolcetti che abbiamo gustato nelle vacanze natalizie.

A COSA SERVE LO ZUCCHERO?

Lo zucchero serve alle cellule (sotto forma di glucosio) per produrre energia. Diciamo che è la nostra benzina umana e ci permette quindi di svolgere tutte le azioni quotidiane e non solo! Il glucosio infatti è fondamentale per nutrire alcuni organi (come il cervello) anche a riposo.

QUANTO ZUCCHERO SERVE?

Veniamo al punto. Lo zucchero è fondamentale per la nostra vita? E quanto ne dobbiamo assumere?

Dunque, essendo il glucosio lo scheletro di tutti i carboidrati (anche quelli piu complessi come gli amidi della pasta o del riso) lo zucchero come lo intendiamo noi (caramelle, cioccolatini, dolci) non è assolutamente essenziale nella nostra vita. La differenza tra un pezzo di pandoro e un pezzo di pane è la velocità con la quale il glucosio viene utilizzato. Nello zucchero semplice infatti il glucosio è già praticamente pronto all’uso, mentre nel pane per essere disponibile va prima scomposto a livello intestinale con la digestione e solo dopo questo processo può essere usato.

In generale le linee guida INRAN e i LARN suggeriscono di consumarne massimo il 10% delle kcal della giornata totale. Circa 60-80g al giorno quindi.

DA DOVE PRENDERE LO ZUCCHERO?

Tutte le fonti di zucchero sono buone? Purtroppo no! Non possiamo infatti paragonare lo zucchero della frutta a quello del famoso pandoro per esempio. E’ vero che chimicamente la molecola è sempre la stessa, ma va visto il complesso! Mentre un frutto, oltre che al glucosio, ci dà anche vitamine, fibre, acqua e Sali minerali importantissimi per la nostra salute il dolce natalizio fornisce anche grassi e grassi saturi. Le uniche fonti di zucchero ammesso sarebbero quindi quelle della frutta fresca, in modo da unire l’utile al dilettevole.

PERCHE’ LO ZUCCHERO PUO’ FAR MALE?

Perché limitare lo zucchero se come abbiamo visto è la nostra energia? Beh per almeno 3 motivi fondamentali. Cerco di spiegarveli semplicemente.

  • ALTERAZIONE DELLA GLICEMIA
zucchero
La glicemia indica il livello si zucchero nel sangue

La glicemia non è altro che il livello di glucosio che tutti noi abbiamo nel sangue e che vi invito a controllare sulle ultime analisi fatte. Se supera i 90-100mg/dl c’è un alto rischio di sviluppare una forma di pre-diabete, mentre se supera i 110mg/dl il diabete potrebbe essere già in atto. Per chi non lo conosce, il diabete mellito è una tremenda malattia metabolica prodotta a causa di un malfunzionamento delle cellule del pancreas. Lo zucchero introdotto con la dieta non riesce piu ad essere metabolizzato ed utilizzato a fini energetici e quindi resta in circolo nel sangue. Nel lungo termine questa situazione crea un’infiammazione sistemica e aumenta i rischi di disordini circolatori (una situazione caratteristica è il “piede diabetico”, che può portare all’amputazione dell’arto), rischi renali, rischi neurologici e molte altre complicazioni. Si diventa inoltre dipendenti da farmaci e siringhe!

DIABETE E NON SOLO

Senza andare nel critico del diabete comunque, l’alterazione della glicemia può portare a disordini nell’immediato e nella quotidianità. Ogni volta che ingeriamo zuccheri semplici infatti creiamo un picco glicemico nel sangue. Al picco in positivo infatti segue la reazione del pancreas che produce insulina per calmare questa salita. Questa vertiginosa discesa crea dei sintomi tipici da “carenza di zucchero” , ad esempio: fame improvvisa, mal di testa o nausea, giramenti, nervosismo e irritazione, stanchezza ecc. Ciò è percepito dal nostro corpo come una quasi morte e di conseguenza esso reagisce stimolandoci a mangiare qualcosa. Ecco che in questi casi di crisi spesso non si bada alla qualità dell’alimento che si mangia, anzi! Biscotti, cioccolatini, caramelle, essendo cibi subito pronti e disponibili sono i più papabili ad essere consumati. Purtroppo però sono anche i più calorici e quindi la bilancia non ringrazia!

  • AUMENTO DEL RISCHIO EPATICO
zucchero
Zucchero e steatosi epatica

Pochi sanno che lo zucchero, al pari dell’alcol, può essere un vero killer per le nostre cellule epatiche. Se viene ingerito in eccesso infatti il nostro corpo lo immagazzina per eventuali bisogni futuri. In pratica se mangiamo tanto zucchero (che ha uno scopo energetico) e non lo utilizziamo per produrre energia nell’immediato questo si trasforma in grasso.

In particolare finisce proprio nel fegato sotto forma di trigliceridi. Questi trigliceridi creano una specie di patina attorno all’organo formando quello che viene definito “Grasso viscerale”. Inizialmente questa situazione prende il nome di fegato grasso (Steatosi epatica in gergo medico) e successivamente evolve in una vera e propria infiammazione meglio nota come “Epatite” non alcolica. Al pari dell’alcol quindi questa nel corso degli anni potrebbe lesionare profondamente le cellule epatiche e creare l’ultimo stadio infiammatorio (la “Cirrosi epatica”) e il tumore al fegato conseguente. Niente su cui scherzare quindi, soprattutto se a mangiare tanto zucchero si inizia da bambini!

  • AUMENTO DELLE MALATTIE CRONICO-DEGENERATIVE

In quanto fonte energetica lo zucchero va a nutrire le cellule. Purtroppo però non è in grado di discriminare QUALI cellule. Inquinamento, smog, stress, familiarità ci portano infatti a sviluppare ogni giorno anche cellule “cattive” chiamate carcinogene. Se nutrite a dovere queste nel corso dei giorni, mesi e anni possono continuare a crescere creando nel tempo dei veri e propri cancri! Mangiare 3-4kg di zucchero al mese è un vero e proprio banchetto di Natale per loro! Attenzione quindi anche a questo aspetto.

CONCLUSIONE

Come dico sempre in ambulatorio mangiare è un atto che compiamo almeno 4-5 volte al giorno. Se quelle volte lo facciamo male rischiamo molto! E’ facile mangiare 120-150g di zucchero al giorno e tutto questo si accumula a fine mese, facendoci ingerire 3-4 se non di più CHILI di questa sostanza!

Facciamo attenzione alle fonti nascoste, leggiamo bene le etichette, preferiamo prodotti senza zucchero e muoviamoci di più! Solo così renderemo ancora una volta la nostra dieta non una restrizione ma uno stile di vita sano e un utile alleato per la lotta contro le malattie!

A presto e buona dieta a tutti 🙂

Alice

Lascia un commento